Processo breve: ecco come funziona

1' di lettura

Ecco per quali reati si applica e quanto dovranno durare i processi secondo la nuova legge.

Il ddl indica i tempi nei quali un processo deve essere celebrato, scaduti i quali il processo è estinto prima di arrivare a sentenza. I tempi dell'estinzione variano a seconda del grado di giudizio e della gravità del reato e valgono per i processi da celebrare dopo l'entrata in vigore della legge.

Per i reati con pena inferiore ai 10 anni i processi non potranno durare più di 3 anni in primo grado e 2 anni in appello e un anno in cassazione, mentre per i reati con pena superiore ai 10 anni il processo non potrà durare più di 4 anni in primo grado, 2 anni in appella e un anno e sei mesi in Cassazione. Discorso diverso per i reati di terroriso e mafia, dove i termini sono 5 anni per il primo grado, 3 per l'appello e 2 per la Cassazione.

Punto chiave del ddl è la norma transitoria che prevede che il processo breve si applica anche ai processi in corso da due anni, indultati o indultabili, relativi a reati commessi fino al due maggio 2006 e puniti con una pena inferiore ai 10 di reclusione.

Leggi tutto