Riforma fisco, Bersani: "A me pare una presa in giro"

1' di lettura

Il monito berlusconiano sui tempi lunghi per la revisione del sistema tributario è per l'opposizione una marcia indietro. La Cgil, nel frattempo, annuncia battaglie sul fronte del taglio tasse

Silvio Berlusconi non ha usato mezzi termini: "L'attuale crisi economica non permette di ridurre le tasse", confermando, al contempo, la volontà di riformare, sia pur con tempi lunghi, il sistema tributario: "Spero possa essere sufficiente un anno, ma è un lavoro davvero improbo". Il bisogno di cambiamento è stato rilevato anche da Giulio Tremonti nella registrazione di "Porta a porta": "Il sistema attuale non è tanto efficace e nemmeno tanto giusto". Quindi il monito: "Dobbiamo studiare seriamente. Non si possono fare stupidate o follie; è una fase molto complicata". Le parole, arrivate da Palazzo Chigi, rappresentano, invece, per l'opposizione una retromarcia o, secondo Bersani, "una presa in giro". Tale è anche il parere di Antonio Di Pietro, mentre sul taglio delle tasse già da quest'anno ha insistito la Cgil. "Una richiesta - spiega Guglielmo Epifani - che sarà al centro della nostra mobilitazione".

Leggi tutto