Osservatore Romano: italiani ancora razzisti

1' di lettura

Il duro editoriale del quotidiano della Santa Sede segue le parole del Papa sul rispetto verso i migranti

LE FOTO DELLA RIVOLTA A ROSARNO

LE FOTO DEL TRASFERIMENTO DEGLI IMMIGRATI 

Un duro atto  d'accusa verso il razzismo degli italiani è venuto oggi dall'Osservatore romano dopo i fatti di Rosarno. Nell'articolo si compie un rapido excursus storico sulle radici del razzismo nei primi  decenni dell'unità d'Italia, per poi concludere: "Nel 2010, invece, siamo ancora all'odio. Ora muto, ora scandito e ritmato dagli sfottò, ora fattosi gesto concreto". Nel lungo servizio dal titolo "Gli  italiani e il razzismo, Tammurriata nera" e firmato da Giulia  Galeotti, si legge: "Oltre che disgustosi, gli episodi di razzismo che rimbalzano dalla cronaca ci riportano all'odio muto e selvaggio verso un altro colore di pelle che credevamo di aver superato".

"Per una volta - prosegue il testo - la stampa non enfatizza: un viaggio in treno, una passeggiata nel parco o una partita di calcio, non lasciano dubbi. Non abbiamo mai brillato per apertura, noi italiani dal Nord in giù. Nè siamo stati capaci di riscattarci, quando il 'diverso' s'è fatto più vicino, nel mulatto, a prescindere dalle diversissime cause per cui ciò è avvenuto".

"Sia stato il risultato di un atto d'amore o, invece, di uno  stupro - si legge sul giornale del Vaticano - ben difficilmente  abbiamo considerato quel bambino come nostro, al pari dei nostri.  Anzi, la doppia appartenenza è sembrata (e continua a sembrare) una  minaccia ulteriore". "In questo - rileva l'Osservatore - davvero a nulla è servito l'esempio americano: l'Obama-mania che imperversa  trasversalmente, dalla politica all'arte, dallo stile al linguaggio, non ha invece fatto breccia alcuna nel dimostrare il valore  dell'incontro tra razze diverse". Il testo del quotidiano della Santa Sede viene pubblicato dopo che il Papa domenica ha chiesto rispetto  per gli immigrati e che il Segretario di Stato vaticano, cardinale  Tarcisio Bertone, aveva parlato delle drammatiche condizioni di vita in cui si trovavano gli immigrati nell'area di Rosarno.


Guarda anche:
A Bari oltre 300 immigrati. Rosarno, ruspe ancora al lavoro
Rosarno, non è sempre stata guerra
Il Papa: gli immigrati vanno rispettati
"Io da otto anni a Rosarno, mi sento integrata"
Rosarno, immigrati trasferiti. Demoliti gli accampamenti
Rosarno, l'inferno della baraccopoli "nera"
Saviano a SKY TG24: gli immigrati difendono anche i nostri diritti
Roma, scontri al corteo antirazzista

Leggi tutto