Fini: a Rosarno tanti sapevano, nessuno denunciò

1' di lettura

Il presidente della Camera: "Mi chiedo, per quale motivo tante autorità non hanno fatto il proprio dovere: lo sapevano tutti che quei lavoratori immigrati erano senza permesso di soggiorno e venivano sfruttati"

LE FOTO DELLA RIVOLTA

LE FOTO DEL TRASFERIMENTO DEGLI IMMIGRATI 

"Rosarno non è New York, si sapeva che c'erano dei luoghi dove vivevano lavoratori in nero e sfruttati. Mi chiedo, per quale motivo tante autorita' non hanno fatto il proprio dovere: lo sapevano tutti che quei lavoratori immigrati erano senza permesso di soggiorno e venivano sfruttati", ha detto il presidente della Camera, Gianfranco Fini. Per Fini "la vicenda calabrese fa capire che l'immigrazione può essere esplosiva e quindi va governata".

Guarda anche:

L'Osservatore romano: italiani razzisti
La protesta di Rosarno: non siamo razzisti
A Bari oltre 300 immigrati. Rosarno, ruspe ancora al lavoro
Saviano a SKY TG24: gli immigrati difendono anche i nostri diritti
Roma, scontri al corteo antirazzista

Leggi tutto