Rosarno, Maroni: troppa tolleranza. Opposizione all'attacco

1' di lettura

Per il ministro dell'Interno la colpa delle violenze che si stanno verificando nella cittadina calabra è dell'immigrazione clandestina. Per questo annuncia una task force ministeriale. Ma il leader del Pd Bersani si scaglia contro la legge Bossi-Fini

SCONTRI A ROSARNO: SEGUI SKY TG24   

Per rispondere all'emergenza di Rosarno, dove un centinaio di immigrati ha reagito a una sparatoria contro alcuni di loro mettendo a ferro e fuoco la cittadina calabra, il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha deciso di dare vita a una task force con il dicastero del Welfare e la regione Calabria. La decisione tiene dietro a una dichiarazione, rilasciata dallo stesso Maroni in mattinata, in cui si lamentava una tolleranza, “senza fare nulla di efficace, contro un’immigrazione clandestina che, da una parte, ha alimentato la  criminalità e, dall'altra, ha generato una situazione di forte degrado come quella di Rosarno" La denuncia di Maroni è stata accolta dal Pdl, che, per bocca del capogruppo al Senato Maurizio Gasparri, ha affermato: "L'eccesso di immigrazione clandestina causa degrado, sfruttamento degli stessi immigrati e disordini. Respingiamo con fermezza le risibili accuse dell'opposizione". Riferimento inequivocabile agli attacchi di Pierluigi Bersani, leader del Pd, che in mattinata aveva detto: "Per i fatti di Rosarno dico che in queste ore è necessario intanto fare calmare le cose. Bisogna però andare alla radice. Lì c'è mafia, sfruttamento, xenofobia e razzismo. E mi dispiace molto che Maroni non abbia perso l'occasione, anche stavolta, di fare lo scaricabarile sull'immigrazione clandestina. Vorrei ricordagli che subiamo anche danni di una legge che si chiama Bossi-Fini. E' ora che se lo ricordi anche il ministro". A dargli manforte, il capogruppo Idv alla Camera, Massimo Donadi, che ha detto: "I clandestini sono carne da lavoro nelle mani delle mafie, che li sfruttano ai limiti del disumano per la prostituzione,per lo spaccio della droga e, nel sud, come semischiavi di un nuovo caporalato. E' ora che il governo la smetta di fare solo demagogia elettorale".


Il sottosegretario Alfredo Mantovano "Contrastare la criminalità organizzata, ma anche l'immigrazione clandestina. La 'ndrangheta è l'organizzazione mafiosa più pericolosa"



Laura Boldrini, Portavoce Alto Commissariato Onu per i rifugiati "Gli immigrati vivono in condizioni inaccettabili. Bisogna occuparsi del problema a 360 gradi"


I fatti di Rosarno secondo il giornalista Fabrizio Gatti


Guarda anche:

La dichiarazione di Maroni a margine dei fatti di Rosarno
La reazione degli immigrati a Rosarno  

Leggi tutto