Di Pietro: "Caro Gesù, in Italia c'è il diavolo al Governo"

1' di lettura

Con una letterina di Natale pubblicata sul suo blog, il leader dell'Italia dei Valori mette una croce sugli inviti al dialogo rilanciati dopo l'aggressione a Silvio Berlusconi e rinnovati dal presidente della Repubblica Napolitano

Altro che dialogo o inciuci che fanno bene. Ecco la "letterina di Natale" indirizzata a Gesù Bambino che Antonio di Pietro pubblica sul suo blog.

Caro Gesù Bambino,
fai in modo che l'anno prossimo torni un po' di libertà d'informazione e di democrazia partecipata nel nostro Paese. Da più parti dicono che nel nostro Paese c'è democrazia, c'è confronto, c'è dialogo. Anzi, adesso dicono che bisogna riaprire la stagione del dialogo. E se la prendono con noi perché a questo tavolo del dialogo non ci sediamo. Ma, caro Gesù Bambino, tu lo sai bene com'è fatto il diavolo. Tu lo sai bene che non ci si può fidare di lui. Tu lo sai bene che a un certo punto l'hai dovuto pure mandare via dal Paradiso per relegarlo all'inferno. Perché con alcune persone, soprattutto con il diavolo, non si può dialogare. Perché si monta la testa. Pensa, voleva perfino prendere il tuo posto. Capisci che cosa voleva fare il diavolo?

Nel nostro Paese c'è "un diavolo" al Governo che pensa di usare le istituzioni solo per farsi gli affari suoi. Che vuole addirittura cambiare la Costituzione perché nella Carta non è previsto che lui non può essere processato. Nella Costituzione c'è scritto, invece, che "tutti devono essere uguali di fronte alla legge" e che nessuno deve commettere reati. Invece questo "diavolo" vuole che nella nostra Costituzione ci sia scritto che alcune persone (lui!) non possono essere processate, non che non possono commettere reati, intendiamoci. Però lui questo lo chiama dialogo. E, come tu sai, caro Gesù Bambino, capita spesso che qualcuno abbocchi e dica: 'Vabbè andiamo a dialogare'. Te lo immagini? Ricordi la storia di cappuccetto rosso? Avrebbe mai potuto dialogare con il lupo cattivo?".

Ecco la preghiera che ti faccio, caro Gesù Bambino: l'anno prossimo mettici in condizione di liberarci politicamente, attraverso l'esercizio democratico del voto, di questo diavolo al Governo. Soprattutto mettici in condizione di far comprendere ai cittadini italiani che non devono cadere nel trabocchetto dando il loro voto di fiducia a persone che fanno credere di fare il loro interesse, ma che in realtà fanno solo gli interessi propri. Gesù Bambino apri gli occhi a coloro che, invece di fare opposizione, decidono di fare inciuci con questa maggioranza. Tu lo sai, Gesù Bambino, che il diavolo non porta da nessuna parte. Non si va in nessun luogo se entrambe le parti non sono mosse da buone intenzioni. E tu sai meglio di me che nel Governo Berlusconi non ci sono buone intenzioni. Ci sono soltanto intenzioni di una massa di lobbisti, massonica, che utilizza le istituzioni per farsi gli affari propri.

Ecco, questa è la letterina di Natale che consegno a te, Gesù Bambino. Apri gli occhi agli italiani prima che sia troppo tardi.


L'appello di Napolitano per il dialogo

Dialogare o "inciuciare": così sui quotidiani
Prove di dialogo tra maggioranza e opposizione

Leggi tutto