Facebook a Schifani: incontriamoci

1' di lettura

"Sarei contento di discutere con lei". Lo ha scritto il responsabile europeo del social network in una lettera al presidente del Senato che aveva definito Facebook peggio degli anni '70. Schifani accoglie l'invito: "E' un passo costruttivo"

I responsabili di Facebook concordano con il presidente del Senato, Renato Schifani, sulla possibilità "di agire ancora più efficacemente in futuro": è un passaggio della lettera scritta da Richard Allan, responsabile europeo di Facebook, al presidente del Senato.

Secondo quanto si è appreso da fonti di Palazzo Madama, Allan ha espresso la propria disponibilità a Schifani "a discutere ulteriormente con lei o con chiunque altro del suo staff e di conoscere il suo punto di vista su come noi possiamo agire ancora più efficacemente in futuro".
E ha precisato: "Questo si potrebbe fare con una conferenza telefonica oppure, se lei desidera, potrei organizzare un viaggio da Londra a Roma per discutere questo argomento".

Un invito, quello di Allan, raccolto dal presidente del Senato. "Ho ricevuto questa lettera e contiene questo invito di incontro. Io lo ritengo un passo estremamente costruttivo quello che vogliono fare i responsabili di Facebook e sicuramente sarà il nostro un incontro in cui rifletteremo assieme per individuare delle regole, delle procedure, al di là degli aspetti legislativi che il governo sta valutando, per evitare proprio che su questi siti, al di là di Facebook, si possono inserire degli inni di istigazione all'odio alla violenza che non fanno bene al Paese e che a volte configurano addirittura elementi ed estremi di reato" dice ai gionalisti a Palazzo Giustiniani Renato Schifani, commentando la lettera ricevuta stamani dal responsabile per l'Europa del social network californiano.

Guarda anche
:
Schifani: Facebook peggio degli anni '70
Maroni, rinviate le misure antiviolenza su web e cortei
Oscurare i siti web? Le possibili leggi e i rischi censura
Berlusconi e Tartaglia: su Facebook senza freni
Stupidario dell'odio in rete: senza limiti e senza colori

Leggi tutto