Napolitano: società più coesa della politica

1' di lettura

Lo ha detto il Capo dello Stato in riferimento allo scontro in Aula durante la discussione sull'aggressione a Berlusconi: "Politica segnata da un esasperato conflitto. Nello sport, nella ricerca e nel volontariato si lavora senza divisioni di partito"

Il mondo dello sport, come altri settori della società (il volontariato, il settore della ricerca) "testimonia la ricchezza di valori e di energie della società italiana, che è più forte e coesa della politica, segnata da un così esasperato conflitto" ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ricevendo al Quirinale i dirigenti del Coni e gli atleti olimpici e paralimpici.
Napolitano è tornato sull'argomento dello scontro politico sull'aggressione a Silvio Berlusconi rispondendo ad una domanda dei giornalisti.

"Nello sport, nel volontariato, nella ricerca scientifica - ha detto - ci sono persone molto più motivate di quanto si potrebbe pensare guardando le loro buste paga. Veramente si accontentano di poco e ci mettono un enorme passione. Nel mondo del volontariato penso a tutti coloro che lottano contro il cancro e le malattie più gravi. In loro c'è uno slancio di solidarietà che si manifesta attraverso la partecipazione ai comitati provinciali. E' tutta gente che lavora insieme, comunque la pensi in politica. E' molto unita e molto convinta".

Guarda anche:
Maroni: oscureremo i siti che inneggiano alla violenza
Internet, Casini: no a provvedimenti legislativi
Di Pietro parla alla Camera, il Pdl esce dall'Aula
Cicchitto: campagna d'odio da Repubblica e da Travaglio
Napolitano: basta esasperazione della polemica

Leggi tutto