Pd: "No a progetti illiberali contro Internet"

1' di lettura

"Le norme attuali e l'azione della Polizia postale sono sufficienti" sostiene il Partito Democratico, che critica così le parole di Roberto Maroni. Il minstro ha ribadito che si sta "valutando l'oscuramento di siti che istigano a delinquere"

Il ministro degli interni Roberto Maroni ha ribadito che si sta "valutando l'oscuramento di siti che istigano a delinquere".
Critiche le opposizioni e una parte della stessa maggioranza (leggi anche: Oscurare i siti web? Le possibili leggi e il rischio censura).
 "No a progetti illiberali contro  Internet” è l’appello di Paolo Gentiloni, presidente del forum Comunicazioni del Partito democratico. “Le norme attuali e l'azione della Polizia postale sono  sufficienti per colpire i comportamenti criminali in rete – aggiunge Gentiloni - Non vorrei  che in nome di questo obiettivo, il governo pensasse invece a norme che limitino la libertà di Internet. Sarebbero velleitarie oltre che  sbagliate. Per colpire chi guida ubriaco a 200 all'ora non si chiudono le autostrade".


Secondo il senatore del Pd Francesco Sanna "questo Paese ha vissuto momenti  molto più bui di quello attuale eppure non è mai stata  sacrificata la libertà di esprimere le proprie opinioni  attraverso ogni mezzo di informazione". E aggiunge: "E' necessario distinguere tra la  libertà di pubblicare pagine su internet e la responsabilità di chi scrive per eventuali contenuti illeciti.

Interviene sul tema anche l’europarlamentare dell’Idv Luigi De Magistris: “Se l'obiettivo del governo è quello di controllare la rete, strumento prezioso di informazione e  democrazia, allora va contrastato con forza".



LEGGI ANCHE:
Facebook: cancelleremo i contenuti che minacciano le persone

Berlusconi e Tartaglia: su Facebook senza freni
Berlusconi Tartaglia, il caso del falso gruppo su Facebook


BERLUSCONI AGGREDITO, L'ALBUM FOTOGRAFICO


Leggi tutto