No B day, è guerra di cifre

1' di lettura

L'assenza dei vertici del Pd ha fatto discutere all'interno dell'opposizione. La questura parla di novantamila persona in corteo, mentre gli organizzatori dicono "oltre trecentomila"

Il "grande assente" alla mobilitazione è il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, ma Rosy Bindi è presente. Aveva detto: "Parteciperò come tanti nostri militanti, dirigenti ed elettori del Pd, Sarò insieme a loro: devono sentirsi a casa loro nella piazza e nel Pd". "Come ha detto Bersani - ha poi detto la Bindi - tutti devono dare una mano a unire e non a dividere l'opposizione, per costruire insieme un progetto efficace di alternativa alla destra di Berlusconi". Il giorno dopo usuale guerra di cifre. In piazza 90 mila persone secondo la questura di Roma, un milione secondo gli organizzatori.

Leggi anche:

Di Pietro: no a un governo di disonesti
Rosi Bindi: la piazza non si fermi all'indignazione
Ignazio Marino: in piazza per difendere i diritti

 

Leggi tutto