Berlusconi: "Strozzerei gli autori di libri di mafia". VIDEO

1' di lettura

La procura di Firenze: Berlusconi e dell'Utri non sono indagati. Il presidente del Consiglio bolla come "infondate e infamanti" le accuse di un suo presunto coinvolgimento nelle stragi di mafia del 1993

"Se trovo chi ha fatto le nove serie de La Piovra e chi scrive libri sulla mafia che ci fanno fare una bella figura, giuro li strozzo". Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi, intervenendo ad un convegno organizzato dall'Enac all'aeroporto di Olbia.

Il premier interviene poi sulle voci rilanciate da alcuni organi di stampa circa un suo presunto coinvolgimento nelle inchieste per le stragi di mafia del '92-'93.
Si tratta di accuse "infondate e infamanti" ha affermato Berlusconi.


Le indiscrezioni relative alle indagini sulle stragi di mafia del '93 sono finite oggi sulle prime pagine di alcuni quotidiani che si concentrano sulle dichiarazioni del pentito Gaspare Spatuzza e sul nome di Silvio Berlusconi, che verrebbe citato dallo stesso in riferimento a quanto saputo dai boss di Brancaccio.

Il Giornale, sopra una fotografia del Cavaliere, titola "Se questo è un mafioso" con un sommario che recita: "In arrivo l'avviso di garanzia basato sui deliri dei pentiti". E l'editoriale del direttore Vittorio Feltri inizia cosi': "Impossibile crederci. Berlusconi indagato per mafia è semplicemente assurdo".

Non è un'ipotesi, questa, ma una certezza, secondo 'Libero' che dedica l'apertura a tutta pagina al titolo 'Silvio indagato per mafia', sopra l'articolo, dedicato in particolare alle incoerenze che emergono dagli interrogatori di Spatuzza, di Gianluigi Nuzzi, secondo il quale nel registro degli indagati figura anche il senatore Marcello Dell'Utri.

Ma la Procura di Firenze smentisce Libero e fa sapere che "Berlusconi e Dell'Utri non sono indagati".

Guarda anche:

Procura di Firenze: Berlusconi e Dell'utri non sono indagati
Bonaiuti: escludo l'arrivo di avvisi di garanzia per il premier

Leggi tutto