Caso Mills, il processo a Berlusconi riparte il 4 dicembre

1' di lettura

Fissata la prossima udienza di ripresa del processo a carico del presidente del Consiglio accusato di corruzione in atti giudiziari. Saranno nuovi giudici a proseguire la causa nei confronti del premier. Ghedini: il premier salterà l'udienza

E' stata fissata al 4 dicembre  prossimo l'udienza di ripresa del processo a carico di Silvio  Berlusconi, accusato di corruzione in atti giudiziari, nell'ambito del cosiddetto caso Mills. Lo ha ufficializzato questa mattina il collegio della decima Sezione penale presieduta da Nicoletta Gandus dopo aver  formalmente dichiarato l'astensione del precedente tribunale a  giudicare il presidente del Consiglio poiché, avendo già condannato il coimputato David Mills è diventato incompatibile.
Saranno altri  giudici, quindi, sempre della decima Sezione penale a proseguire la  causa nei confronti del premier.

Ma "il 4 dicembre il presidente del Consiglio è legittimamente impedito, perché ha il Consiglio dei Ministri". Lo ha detto l'avvocato Niccolò Ghedini, che insieme al professor Piero Longo difende il presidente del Consiglio nel processo milanese in cui e' imputato di corruzione in atti giudiziari nel caso Mills.

Guarda anche:

Berlusconi: "I giudici vogliono far cadere il governo"

Il premier: se mi condannano non mi dimetto
Mills dopo la sentenza d'appello: "Sono innocente"
Condanna Mills, Berlusconi contro i giudici comunisti
Mills, confermata la condanna a 4 anni e mezzo di reclusione
Lodo Alfano incostituzionale, riparte il processo Mills

Leggi tutto