Processo breve, martedì il ddl al Senato

1' di lettura

Il capogruppo dei senatori del Pdl Maurizio Gasparri ha annunciato che la discussione in commissione Giustizia del disegno di legge inizierà il 24 novembre. E ha aggiunto: "Mi auguro che entro l'anno Palazzo Madama si possa esprimere"

Martedì pomeriggio avrà inizio nella commissione Giustizia del Senato la discussione sul ddl sulla 'ragionevole durata del processo': il relatore del provvedimento è il senatore Giuseppe Valentino e con la sua relazione si incardinerà l'iter del ddl. Lo ha detto il capogruppo dei senatori del PdL, Maurizio Gasparri. "Mi auguro che entro l'anno - ha aggiunto Gasparri - il Senato si possa esprimere". Gasparri ha poi spiegato che sarà Filippo Berselli, presidente della commissione Giustizia del Senato, "a decidere i successivi tempi della discussione che per ora non sono stabiliti a parte quelli relativi all'incardinamento del provvedimento".

Gasparri ha sottolineato che il ddl "non può essere definito sul 'processo breve', in quanto fissa in circa nove anni, compresi i due anni di indagini, il tempo entro il quale un procedimento deve essere concluso: questo lasso di tempo non può certo essere definito breve, per questo è meglio parlare di ragionevole durata del processo".
Per quanto riguarda l'atteggiamento dell'opposizione, il capogruppo del PdL al Senato ha rilevato che "per ora continua ad essere di tipo contrario e negativo". E ancora: "Ricordo solo che su questa vicenda ci sono proposte della sinistra che sono molto piu' generose della nostra, noi dal ddl abbiamo escluso i reati di allarme sociale".

Guarda anche:
Processo breve: prescrizione due anni dopo il rinvio a giudizio
Da Parmalat ad Antonveneta: ecco i processi a rischio
Spataro: "Processo breve non serve"

 

Leggi tutto