La guerra dell'acqua

1' di lettura

Il governo pone la fiducia sul decreto Ronchi che contiene la norma sulla privatizzazione delle risorse idriche. Entro il 2011 le aziende pubbliche devono cedere il 30% del capitale a privati

Il governo ha deciso di porre la fiducia al decreto Ronchi che liberalizza il settore dell'acqua in Italia. Un business di più di 5 miliardi l'anno. La riforma prevede che entro il 2011 decadano tutte le aziende pubbliche che non abbiano ceduto almeno il 30% del capitale a soggetti privati. Dovrebbero bloccarsi anche le gestioni controllate direttamente dgli enti pubblici locali a meno che non cedano a privati una quota non inferiore al 40%. La gestione dovrà essere affidata a privati tramite gara.

Guarda anche:

Acqua ai privati, il governo pone la fiducia alla Camera

Leggi tutto