Cosentino: una porcata contro di me. L'Idv vuole la sfiducia

Il sottosegretario all'Economia Nicola Cosentino
1' di lettura

Mentre il sottosegretario all'Economia denuncia a Porta a porta di essere vittima dei pentiti per l'azione del governo Berlusconi contro la mafia, il partito di Di Pietro presenta una mozione perché si dimetta. E nel Pdl non tutti sono contrari

“Una porcata organizzata dai pentiti perché faccio parte di un governo, quello di Berlusconi, che ha sferrato un colpo importante alla mafia”: così, alla trasmissione televisiva Porta a Porta , il sottosegretario Nicola Cosentino definisce le accuse che gli sono state rivolte da alcuni collaboratori di giustizia e che sono alla base della richiesta di arresto per concorso esterno in associazione mafiosa inviata dalla procura di Napoli alla Camera dei deputati .
Quanto a una sua eventuale candidatura alla presidenza della regione campana, il sottosegretario ha affermato: “non è nata così per caso ma è stata decisa all'interno del partito in Campania. Il mio destino personale è nelle mani di Berlusconi e sta a lui decidere perché a lui devo tutto. Se Berlusconi mi chiede di fare un passo indietro io sono un uomo di Berlusconi e lo faccio”. Nei giorni scorsi, alcuni esponenti del Pdl, a cominciare dal presidente della Camera Gianfranco Fini , avevano giudicato “inopportuna” la candidatura del sottosegretario .
Nel frattempo l’Italia dei valori ha preparato una mozione di sfiducia nei confronti di Cosentino per costringerlo "a rassegnare le dimissioni da sottosegretario di Stato per l'economia e le finanze". Un testo che secondo alcuni osservatori potrebbe essere votato anche da una parte dei parlamentari del Pdl. È stato lo stesso capogruppo del partito di Antonio Di Pietro alla Camera, Massimo Donadi, ad augurarsi che “la giunta per le autorizzazioni acconsenta alla richiesta d`arresto emessa nei confronti di Nicola Cosentino”. “Per questo – ha aggiunto Donadi - siamo pronti a presentare una mozione di sfiducia nei confronti del sottosegretario e chiediamo a Fabio Granata ed ai deputati del Pdl che credono nella legalità di votarla, insieme alle opposizioni".
Ipotesi non scartata dallo stesso Granata e da Italo Bocchino: "valuteremo - ha detto quest'ultimo - se ci sarà una mozione di sfiducia da parte dell'opposizione. Noi riteniamo sarebbe opportuno un passo indietro da parte del sottosegretario".

Guarda il videoservizio di Sky Tg24:



Leggi anche:
Cosentino, la richiesta di arresto arriva alla Camera
Cosentino incontra Berlusconi, "resto candidato in Campania"
Caso Cosentino, le reazioni del Pdl
Fini dice no a Cosentino e assicura: Berlusconi è d'accordo
Campania, Cosentino è un caso anche per il Pdl

Leggi tutto