Rutelli via da Pd, "Casini interlocutore essenziale"

1' di lettura

"Dobbiamo creare le condizioni perché l'Italia in termini di prospettiva politica esca dalla guerra di 15 anni che si sta trascinando senza vincitori e con un solo grande sconfitto: il nostro Paese", dice l'ex esponente democratico

Francesco Rutelli rompe gli indugi e annuncia il suo immediato addio al Partito democratico. Ad attenderlo Pier Ferdinando Casini, che pronostica: "Con lui, possiamo raggiungere 5 milioni di voti". E i due leader politici oggi partecipano ad un convegno della Fondazione Liberal-Popolare. "Dobbiamo creare le condizioni perché l'Italia in termini di prospettiva politica esca dalla guerra di 15 anni che si sta trascinando senza vincitori e con un solo grande sconfitto: il nostro Paese", ha detto Rutelli nel suo intervento. Dal Pd è giunto il commento del neosegretario Bersani: "Noi stiamo cercando di fare il 'bambino nuovo' come ci hanno detto di fare tre milioni di persone; non facciamo cose antiche. Stiamo cercando di realizzare un progetto nuovo sotto la spinta di una grandissima partecipazione: questo è quello su cui saremo impegnati. Mi dispiace se non se ne può discutere anche con Rutelli".

Leggi tutto