Anm risponde a Berlusconi: accuse infondate e ridicole

1' di lettura

La Giunta esecutiva centrale dell'Anm, all'indomani dell'intervento in diretta del presidente del Consiglio a Ballarò, afferma: "I tribunali non sono sezioni di partito"

"Rispondiamo solo alla legge e alla Costituzione". "No alle intimidazioni". Così la giunta dell'Associazione Nazionale Magistrati risponde alle accuse lanciate ieri dal premier Silvio Berlusconi durante la trasmissione "Ballaro'" contro "pm e giudici comunisti".

"Nessun ufficio giudiziario - replica l'Anm - merita queste infondate e ridicole definizioni, tanto meno quello di Milano".
E alle assemblee che si svolgeranno domani in tutti i distretti giudiziari, afferma il sindacato dei magistrati, "la magistratura arriva compatta: sia nelle componenti associative, sia con la spontanea e massiccia adesione agli appelli in favore del collega Mesiano. Ciò testimonia il sentimento di solidarietà a un collega attaccato violentemente solo per aver fatto il proprio dovere, e che ha poi tenuto un comportamento esemplare; ma testimonia soprattutto il rifiuto verso qualsiasi forma di intimidazione".

"Forse certe strategie non nascono a tavolino - prosegue l'Anm -. Ma neppure nascono dal nulla: dal 'cappello in mano' del magistrato che si vuole parte, al calzino stravagante del giudice che si vorrebbe dimezzato più che terzo, alla stucchevole reiterazione di epiteti nei confronti di magistrati, ogni occasione sembra buona per denigrare l'ordine giudiziario e descrivere i palazzi di giustizia come sezioni di partito, frequentate da magistrati militanti. Nessun ufficio giudiziario merita queste infondate e ridicole definizioni, tanto meno quello di Milano. Da Milano, e dall'intero Paese, la magistratura ribadisce che intende continuare a vestire solo la toga e a rispondere solo alla legge. In primis alla Costituzione".

"Le assemblee di protesta e dibattito convocate domani dall'Associazione nazionale magistrati in tutta Italia - scrive la giunta dell'Anm -, nascono dalla profonda e sincera preoccupazione per i continui tentativi di delegittimare e intimidire sia la giurisdizione nel suo complesso, sia i singoli magistrati in relazione a processi specifici o in ragione delle sentenze pronunciate".

"Perfino il rapporto tra istituzioni e organi di garanzia - ricorda l'Anm, - è stato messo in discussione". "Mentre la tensione e l'attenzione si concentrano su una impropria contrapposizione, di cui la magistratura e' vittima, nulla di serio, concreto e duraturo viene proposto per restituire efficienza all'organizzazione giudiziaria - denuncia il sindacato dei magistrati - e per ricondurre il processo alla ragionevole durata".

Guarda anche:
Berlusconi contro i "giudici comunisti"


Caso Mills:
Mills: confermata la condanna a 4 anni e 6 mesi
L'avvocato David Mills: sono innocente, a Roma troverò giustizia

I procedimenti a carico di Silvio Berlusconi
L'avvocato David Mils condannato a 4 anni e 6 mesi
Mills corrotto dal premier. Berlusconi: sentenza clamorosa

Caso Mesiano:
Caso Mesiano e riforma della giustizia, Anm in stato di agitazione
Pedinamento giudice Mesiano, Anm: una vergogna
Caso Mesiano, Brachino: io l'unica vittima

Giustizia, il governo verso la riforma


Leggi tutto