Rutelli: con Casini, ma non subito e non da solo

1' di lettura

Alleanze Pd. L'ex leader della Margherita verso l'addio. Bersani: accetti la sfida. Pdl: ora stop all'antiberlusconismo

Francesco Rutelli pensa di lasciare il Pd per andare con Pierferdinando Casini, ma non nell'immediato. "Con Casini, ma non subito e non solo", ha detto Rutelli in un'intervista rilasciata alcune settimane fa a Bruno Vespa per il suo libro "Donne di cuori", in uscita da Rai Eri Mondadori il prossimo 6 novembre e le cui anticipazioni sono state diffuse oggi.

"In questi due anni il Pd ha sprecato un patrimonio anziché costruirne uno nuovo. Avremmo dovuto cambiare terreno di gioco, allenatore, squadre, pallone, modulo tattico, perfino i tifosi... E invece non è cambiato niente", ha aggiunto il Presidente del Copasir.
"Per riparare, il Pd si sbilancia a sinistra, e così peggiora la situazione, si isola. Una scelta ancora più assurda nel momento in cui il centrodestra si sbilancia a destra a favore di Bossi, Fini è in grandissima difficoltà e il terreno competitivo diventa quello moderato". In seguito alla diffusione delle anticipazioni, Rutelli ha precisato in una nota che "le dichiarazioni ... risalgono ad una conversazione di alcune settimane fa".
"La loro divulgazione nella data di oggi potrebbe, dunque, trarre in inganno, poiché le anticipazioni riferiscono solo parzialmente le opinioni di Rutelli che si esprimerà sulle primarie del Pd (vinte ieri da Pier Luigi Bersani) e sui propri orientamenti in occasione della presentazione del suo libro, 'La svolta', domani a Milano", si legge nel comunicato.

Intanto Bersani, commentando le dichiarazioni di Rutelli a Vespa in occasione della sua prima uscita ufficiale da neosegretario del Pd a Prato, ha detto: "Non credo che qualcuno voglia sottrarsi a questa sfida, penso che la prova di ieri sia stata inequivocabile. Abbiamo avuto una spinta e un incoraggiamento formidabile e inaspettato, mi pare indiscutibile che chi ha partecipato alle primarie ha fiducia nel progetto del Pd che è un partito nuovo e non un partito vecchio".

Pdl: no all'antiberlusconismo

Guarda anche:
Vincitori e vinti: tutte i volti dei protagonisti
Bersani alla guida del Pd: priorità lavoro e precariato
Bersani nuovo segretario del Pd: ascolta l'annuncio di Franceschini
L'entusiasmo del web per le primarie



Leggi tutto