Primarie Pd, Franceschini: Bersani è il nuovo segretario

1' di lettura

Dopo i primi dati emersi dallo scrutinio, è stato il leader uscente ad annunciare la vittoria dell'avversario dicendo: "Gli ho già telefonato per complimentarmi". Si sono recati alle urne oltre due milioni e mezzo di votanti

Tutte le notizie sulle primarie del PD

Dai primi dati che emergono dalle primarie ''Pier Luigi Bersani è il nuovo segretario del Pd''. Lo ha detto Dario Franceschini in una conferenza stampa nella sede nazionale del Pd.

''Gli ho telefonato - ha detto Franceschini - e gli ho dato atto di questo riconoscimento''. Franceschini ha sottolineato come non fosse giusto ''per il partito, per voi aspettare di vedere se ci sono due punti percentuali in più o in meno: il dato politico è che la scelta dei nostri elettori è quella di eleggere Pier Luigi Bersani nostro segretario''.

''Continuerò a servire il mio partito come parlamentare e nel modo che sembrerà più utile''. Ha aggiunto Franceschini in una conferenza stampa in cui ha annunciato la vittoria di Bersani alle primarie. ''Questa non è una serata di delusione, è una serata di festa per tutto il partito perché ha vinto il Pd''. ''Ora diventa irreversibile l'elezione del segretario del Pd attraverso le primarie'' -ha aggiunto Franceschini - ''Il grande afflusso di cittadini ai seggi è il riconoscimento della forza del popolo delle primarie, che da oggi nessuno potrà mettere in discussione''. Franceschini si è detto infine ''orgoglioso'' di aver ''consegnato un partito rafforzato dalle primarie''.

"I dati pervenuti al nostro Comitato evidenziano la vittoria di Pier Luigi Bersani alle primarie per le elezioni del segretario del Pd con un risultato che si attesta attorno al 48%". E' quanto si legge in una nota diffusa dal Comitato Franceschini.

Pier Luigi Bersani è arrivato nella sede del Partito Democratico, pochi minuti dopo che Dario Franceschini aveva ammesso la sua vittoria alle primarie. Ad aspettarlo, al secondo piano della sede del Pd, Ignazio Marino che gli ha stretto la mano appena Bersani è uscito dall'ascensore. Bersani si è poi diretto verso l'ufficio di Franceschini.

"Se i dati saranno confermati la nostra mozione è tra il 10 ed il 20% e questo conferma la bontà della nostra proposta. Sono estremamente soddisfatto". Ignazio Marino esprime così la sua soddisfazione, nella sede del Pd, per il risultato raggiunto alle primarie. "Oggi è stato - ha affermato Marino - un bellissimo giorno con una partecipazione straordinaria di quasi 3 milioni di persone che dimostrano la grande vivacità del Pd. Un Pd che vuole discutere, confrontarsi sulle idee e poi essere unito e tornare a vincere".

VERSO TRE MILIONI DI VOTANTI Sono stati "sicuramente più di 2 milioni e mezzo" i votanti alle primarie per scegliere il segretario del Partito Democratico. Il dato definitivo si avrà "nel corso della nottata". Lo ha detto Maurizio Migliavacca, responsabile della commissione nazionale del Pd per le primarie. Maurizio Migliavacca ha spiegato che data la "grande partecipazione ai seggi le operazioni di voto si sono protratte oltre le 20" il che ha posposto il conteggio dell'affluenza in ciascun gazebo. La commissione per il congresso ha quindi deciso di comunicare una "stima attendibile" dei cittadini che hanno partecipato e che sarebbe "sicuramente superiore ai due milioni e mezzo".

"I problemi di conteggio e di comunicazione dei dati - ha osservato ancora Migliavacca - derivano dal grande successo delle primarie, che sono un segno di vitalità dell'opposizione e danno una spinta al Pd". Più ottimista Paolo Gentiloni, responsabile comunicazione del Pd, che prevede per l'affluenza un risultato "vicino ai 3 milioni" di votanti. Gentiloni, ai microfoni di Sky Tg24, parla di un esito "francamente inaspettato", visto che "anche i più ottimisti tra noi si aspettavano un paio di milioni". Per Gentiloni è un dato "molto positivo per il Pd" e che obbliga a "non tornare più indietro, chiunque vinca", dalle primarie per la scelta del leader Democratico. "Milioni di persone - afferma infatti - hanno dimostrato di avere fiducia in questo metodo. Sono milioni di persone molto esigenti. Non si è trattato della ratifica di una decisione presa. Questo dà più forza".

"Dai dati in nostro possesso sicuramente Bersani è sopra il 50%". Cosi, dal comitato Bersani, avevano annunciato i primi dati giunti dallo scrutinio dei seggi delle primarie.

Leggi anche:

Primarie Pd, Rosy Bindi: "Un'occasione per un'Italia migliore"
Nanni Moretti: "E' un giorno di festa, io voto Franceschini"
Ignazio Marino: "Serve radicale rinnovamento del partito"
Bersani: "Siamo noi la gente normale"
Pd, le speranze di chi vota
Primarie Pd, Violante vota Franceschini
Primarie Pd, Fassino: "Gli elettori saranno più di due milioni"
Bersani, Franceschini, Marino: il giorno del faccia a faccia
Congresso Pd: i grandi assenti
Pd, a Bersani il 55% dei voti nei congressi di circoli
Pd: ora scatta la sindrome "Zabriskie point"
Pd 2.0: le primarie fanno discutere il web

Leggi tutto