Scontro sull'Irap, slitta il vertice Berlusconi-Tremonti

1' di lettura

L'incontro chiarificatore saltato a causa del rientro ritardato del premier dalla Russia. Bossi difende il ministro dell'Economia: c'è un piano contro di lui. Intanto a Palazzo Chigi governo e Regioni firmano un importante accordo sulla sanità

Tutto ok, fa segno Berlusconi. Non sembrerebbe, guardando il caso Tremonti. Da San Pietroburgo il premier parte in ritardo. Motivazione ufficiale, maltempo, neve. A San Pietroburgo però ci sono poche nuvole. Salta il Consiglio dei ministri. E salta, per ora, il chiarimento chiesto dal ministro dell'Economia. "Credo sia stato bloccato da una fitta coltre di nebbia, dice Tremonti, una nebbia molto molto fitta". La battuta, durante il confronto con le regioni, a Palazzo Chigi, in cui è stato firmato un importante accordo sulla sanità. Il gelo è calato dopo l'annuncio di Berlusconi sull'abolizione graduale dell'Irap. Tremonti si è sentito scavalcato. A difenderlo, Umberto Bossi: c'è un tentativo di farlo fuori, dice, ma noi lo difenderemo. Il vertice tra il presidente del Consiglio e il ministro dell'Economia potrebbe esserci già nelle prossime ore e, al faccia a faccia, potrebbe assistere anche il leader della Lega. "Basta trame contro di me", avrebbe detto Tremonti. Che poi ha smentito tutte le indiscrezioni di stampa. Anche quella che escludeva le sue dimissioni.

Leggi tutto