Primarie Pd, ultimo sprint tra le polemiche

1' di lettura

A meno di 48 ore si affilano le armi per il rush finale. "Se vinco nomino Touadi vice segretario. L'altro vice sarà una donna", questo l'annuncio di Franceschini. Ma Bersani boccia l'idea del ticket e rilancia l'alleanza di coalizione

Due giorni. Poi la corsa sarà finita. E comincerà un'altra campagna elettorale quella che guiderà il PD verso il voto delle Regionali. Con un leader eletto dalle primarie. L'attuale segretario piazza un colpo ad effetto. In caso di vittoria, un suo vice sarà Jean Leonard Touadi. L'altro sarà una donna. Annuncio che proprio nell'ottica di un voto libero dagli schemi delle tessere potrebbe avere il suo effetto. Al quale però non crede l'altro candidato Bersani che, pur apprezzando Touadi, non condivide la scelta di organizzare il partito partendo dal ticket e non vuole a giocare al rilancio.

Leggi anche:

Twitter sceglie Ignazio Marino
Bersani, Franceschini, Marino: il faccia a faccia
Congresso Pd: i grandi assenti. Le foto
Pd, a Bersani il 55% dei voti nei congressi di circoli
Pd: ora scatta la sindrome "Zabriskie point"
Pd 2.0: le primarie fanno discutere il web

Leggi tutto
Prossimo articolo