Riforma della Giustizia. Pdl: facciamo un testo insieme

1' di lettura

La Consulta giustizia del Pdl apre all'opposizione e in un documento invita tutte le forze politiche a discutere tempi e modi di una proposta di riforma per poi ascoltare il contributo di magistratura e avvocatura

Appuntamento il 4 novembre alle 19 con tutte le forze politiche per discutere "tempi e modi" di una proposta di riforma della giustizia, per poi aprirsi al contributo di magistratura e avvocatura.
Questa la proposta della Consulta Giustizia del Pdl diffusa in un documento.

Il metodo di lavoro proposto si riallaccia espressamente all'esperienza della Bicamerale per le riforme presieduta nel 1997 da Massimo D'Alema. L'intento è quello di presentare in tempi brevi una proposta condivisa in Parlamento, mentre l'invito al Governo è attendere la conclusione dei lavori di questo "tavolo" prima di presentare una propria proposta di riforma costituzionale.

"La Consulta - si legge infatti nella parte conclusiva del documento - invita tutte le forze politiche a partecipare a un incontro presso i gruppi parlamentari, sala Colletti, il prossimo 4 novembre alle ore 19 per concordare tempi e modi di attuazione di tale proposta, tenendo conto comunque che sarà opportuno allargare successivamente la partecipazione agli incontri alla magistratura e alla avvocatura che potranno offrire, come di consueto, un valido ed efficace contributo. La Consulta ritiene che ove vi sia la effettiva volonta' politica di individuare linee comuni sarà possibile elaborare un testo compiuto in tempi assai brevi e che comunque si potrà anche avviare un proficuo confronto sulle leggi ordinarie. La Consulta invita il governo a voler attendere la conclusione di tali lavori prima di voler eventualmente presentare un proprio testo di riforma costituzionale".

Guarda anche:

Riforma della giustizia, Anm in stato di agitazione
Giustizia, Berlusconi vuole la riforma costituzionale
Fini: sì alla riforma della giustizia ma con una maggioranza più ampia

Leggi tutto