Rai: contratto a Vespa troppo caro

1' di lettura

Il Cda Rai ha rimandato l'approvazione del rinnovo del contratto del giornalista. Troppo costoso in un momento di grande contenimento dei costi da parte dell'azienda per arginare gli effetti della crisi

Non è passato in Cda Rai il rinnovo del contratto di Bruno Vespa. L'ipotesi portata oggi dal direttore generale Mauro Masi all'attenzione degli amministratori dell'azienda di viale Mazzini non ha avuto il via libera, ovvero è stata rimandata indietro perchè il contratto in questione deve in qualche maniera "essere coerente", come è stato sottolineato in alcuni interventi, con la situazione generale dell'azienda e non invece in contraddizione con la necessità di contenere i costi.

L'ipotesi di nuovo contratto, durata triennale, che era stata portata in Cda prevedeva un compenso 'minimo' di 1,6 milioni di euro l'anno. La misura reale del compenso per il conduttore, però, è data dal meccanismo delle sue presenze in programmi Rai, dal numero degli 'speciali' realizzati, e dal numero delle prime e seconde serate di 'Porta a Porta', il che finisce con il far lievitare il 'minimo garantito'.

A sollevare il problema sul rinnovo del contratto al conduttore di Porta a Porta è stato un consigliere della maggioranza, cui è seguito poi l'intervento, per la minoranza, di Nino Rizzo Nervo.

Dal canto suo il presidente Paolo Garimberti ha preso atto delle posizioni che venivano espresse, come pure il direttore generale Masi. E alla fine, insieme ad altri temi all'ordine del giorno rimandati ad una nuova riunione (tra l'audizione del direttore di Raidue, Massimo Liofredi), è stato deciso per un riesame complessivo del contratto di Vespa, da sottoporre più in avanti nuovamente all'attenzione del consiglio di amministrazione di viale Mazzini.

Leggi tutto