Pd, Bersani: "Non vedo rischio scissioni"

1' di lettura

Le primarie del partito democratico sono ormai alle porte. Gli sfidanti girano l'italia e le tv in cerca di voti, in un clima che resta incerto e teso per alcune questioni da tempo sul tavolo. In testa il pericolo di una scissione e il capi

Le voci di scissioni continuano a girare, ma tutti nel Pd le smentiscono. Lo fa D'Alema, che parla di chiacchiericcio senza verità. Netto anche Bersani. L'ex ministro auspica ampie alleanze progressiste a partire dalle regionali e riconosce il rischio infiltrazioni mafiose al sud ma chiede di non generalizzare. Anche Franceschini - che pure giudica apertissima la sfida - esclude scissioni in caso di vittoria di bersani. Si augura alleanze con Di Pietro alle regionali, poi rilancia sul tema pensioni. Ignazio Marino attacca i due avversari, rivendicando di essere l'unico ad avere liste con volti nuovi e giovani.

Leggi anche:

Twitter sceglie Ignazio Marino
Bersani, Franceschini, Marino: il faccia a faccia
Primarie, nel Pd si discute del "Lodo Scalfari"
Omofobia, testo bocciato alla Camera. Polemiche nel Pd
Congresso Pd: i grandi assenti. Le foto
Pd, a Bersani il 55% dei voti nei congressi di circoli
Pd: ora scatta la sindrome "Zabriskie point"
Pd 2.0: le primarie fanno discutere il web

Leggi tutto
Prossimo articolo