Via libera del Cdm alla riforma Brunetta

1' di lettura

La parola d'ordine, dice il ministro, è "meritocrazia". E' giunto, dunque, il sì definitivo al decreto legislativo finalizzato all'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, l'efficienza e trasparenza delle amministrazioni

Il provvedimento prevede la lotta ai fannulloni, con taglio allo stipendio e licenziamenti, ma anche premi al merito che non saranno più distribuiti a tutti, ma andranno solo agli statali più produttivi. Nella riforma della pubblica amministrazione ci sono tante "persone eccellenti, vogliamo ridare loro fiducia e merito" ha detto il premier, Silvio Berlusconi.

Leggi tutto