Scudo fiscale, Di Pietro: "Da Napolitano un atto di viltà"

1' di lettura

Il leader dell'Italia dei Valori attacca senza mezzi termini il presidente della Repubblica che si è rifiutato di non firmare la legge: "Il capo dello Stato si assuma la responsabilità di divulgare questa legge criminale"

Non si è fatta attendere la reazione di Antonio Di Pietro alle parole del capo dello Stato: "Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, affermando che non poteva non firmare la legge criminale sullo scudo fiscale, ha compiuto un atto di viltà ed abdicazione" ha dichiarato il leader dell'Italia dei Valori "E' proprio la Costituzione - ha spiegato Di Pietro - che affida al capo dello Stato il compito di rimandare le leggi alle camere controllando in prima istanza la loro costituzionalità. Così facendo - ha concluso - Napolitano si assume la responsabilità di questa legge".

Leggi tutto