Scudo fiscale, sì di Montecitorio. Ora è legge

1' di lettura

L'aula della Camera ha approvato con 270 sì, 250 no e 2 astenuti il decreto correttivo che contiene lo scudo fiscale. Decisiva l'assenza di 29 deputati dell'opposizione. Il provvedimento passa adesso alla firma del Capo dello Stato

La Camera ha approvato in via definitiva il decreto correttivo del dl anticrisi con le norme sullo scudo fiscale.
Il provvedimento, che ha ottenuto 270 sì, 250 no e 2 astenuti, è legge. Decisiva l'assenza di 29 deputati dell'opposizione. La maggioranza richiesta era così di 261 voti, in Aula c'erano 522 deputati.
Le operazioni di voto sono state piuttosto tumultuose. Il decreto legge estende ai reati societari la sanatoria per i capitali illecitamente esportati all'estero.
Il governo aveva posto la fiducia sul provvedimento in occasione del voto al Senato.
Dal provvedimento, secondo alcuni banchieri d'affari, si attende un gettito fiscale tra i 2,5 e 5 miliardi, pari a una
regolarizzazione tra 50 e 100 miliardi.
In una nota della Agenzia delle Entrate e della Gdf diffusa questa settimana si citava una stima dell'associazione dei private bankers che parlava di un potenziale da regolarizzare di 300 miliardi di euro, ma nella relazione tecnica il governo ha indicato un euro simbolico a significare la difficoltà di stimare il gettito atteso dallo scudo fiscale.

Leggi tutto
Prossimo articolo