Berlusconi attacca la sinistra, Bersani: un comiziaccio

1' di lettura

Dalla Festa della libertà il premier rivendica i successi del governo, poi si scaglia contro l'opposizione: "Brucia in piazza le sagome dei nostri soldati, inneggia a -6". Insorge il Pd, Casini chiede l'intervento del Quirinale

Battute, elogi al governo ma soprattutto un nuovo durissimo attacco alla sinistra. E' stato uno show quello con cui Berlusconi ha chiuso la Festa della libertà. Il premier ha prima scherzato su Michelle Obama ("anche lei è abbronzata, come Barack"), poi ha celebrato l'attività del governo ("aiamo gli unici che possono governare il Paese", "staremo qui per sempre"), infine ha attaccato l'opposizione "che brucia in piazza le sagome dei nostri soldati e inneggia al -6". Insorge il Pd, con Bersani che parla di "comiziaccio" e domanda: "Chiamiamo il 118?". Casini chiede l'intervento del Quirinale.

Leggi tutto
Prossimo articolo