Biotestamento, Fini: no a pregiudizi, libertà di voto

1' di lettura

Le associazioni "Luca Coscioni" e "A buon diritto" hanno raccolto 3.300 testamenti biologici e li hanno consegnati al presidente della Camera, il cui auspicio è che in Aula ognuno possa esprimersi secondo coscienza in un dibattito pacato

Testamento biologico, torna ad accendersi il dibattito politico. Le associazioni "Luca Coscioni" e "A buon diritto" hanno raccolto online oltre 3,300 dichiarazioni di fita e le hanno consegnate, in vista dell'imminente dibattito parlamentare sulla legge, al presidente della Camera Gianfranco Fini. Il cui auspicio è che in aula il clima possa essere pacato e scevro da ogni pregiudizio. Un dibattito che - secondo Fini - deve svolgersi nel doveroso rispetto del diritto di ogni deputato di esprimersi secondo coscienza.

Leggi tutto
Prossimo articolo