Missione Afghanistan, mondo politico diviso sul futuro

1' di lettura

Berlusconi parla di periodo di transizione per far tornare a casa i nostri militari, mentre La Russa ribadisce che l'eccidio di Kabul non intimidirà il nostro contingente. Ma Bossi riaccende la polemica e spacca il governo: "Soldati a casa entro Natale"

LE FOTO DELL'ATTENTATO- LE FOTO DELLE VITTIME

Il cordoglio è unanime, le soluzioni politiche per la nostra presenza in Afghanistan no. Governo ed opposizione usano gli stessi toni per rendere omaggio ai sei militari uccisi nella strage di Kabul. Ma quando si passa alle scelte politiche che questo lutto sembra portare con sè i partiti tornano a parlare lingue diverse. Tocca al ministro della Difesa Ignazio La Russa esprimere la vicinanza del governo alle vittime. La fermezza del governo viene però scalfita dalle parole di Umberto Bossi che si augura il "ritorno a casa dei militari italiani entro Natale". In aula il Pdl esorta il Paese a restare a fianco dei suoi militari senza se e senza ma. Per il Pd questo non è giorno della ritirata. A scagliarsi contro Bossi è il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini che lo definisce "un irresponsabile". L'Italia dei Valori taglia corto: "Ma che ci stiamo a fare ancora lì".

Leggi anche:
Afghanistan, La Russa: non gravi i 4 militari feriti
Kabul, l'addio della rete agli "angeli armati"
Attentato a Kabul, strage di italiani
Kabul, attentato contro italiani. La Russa, vigliacchi, non ci fermerete
Afghanistan, il cordoglio di  Napolitano
Nato: una tragedia ma certi che l'Italia resterà
Afghanistan, bandiera a mezz'asta alla caserma Bandini di Siena
Afghanistan, dal 2004 a oggi morti 21 italiani
L'attentato è il più grave dopo la strage di Nassiryia


LE FOTO DELL'ATTENTATO- LE FOTO DELLE VITTIME

Leggi tutto