Lodo Alfano, l'Avvocatura: nessun avvertimento alla Consulta

1' di lettura

Dopo le polemiche, l'organo preposto alla difesa della presidenza del Consiglio torna sulla memoria depositata in vista della decisione della Corte costituzionale. Pd e governo d'accordo: la bocciatura non comporta le dimissioni del premier

"La nostra memo­ria non è assolutamente fuori dalle righe né ha inviato alla Corte un avvertimento per con­to di chicchessia. È in linea di diritto e non riferita a per­sone in carica e cioè a Silvio Berlusconi". In modo molto net­to l'Avvocato generale dello Sta­to, Fiumara, è intervenu­to per difendere il contenuto e il tenore della documento pre­sentato dal suo ufficio davanti alla Corte Costituzionale per chiedere che il Lodo Alfano venga dichiarato legittimo. E lo stesso guardiasigilli si è detto fiducioso del giudizio della Consulta, che in ogni caso sarà un giudizio sul­la legge e non sarà un giudizio sulla legislatura, né su Berlu­sconi.

Leggi tutto
Prossimo articolo