Casini alla Lega: "Basta minacce. Pronti al voto anticipato"

1' di lettura

Il leader dei centristi da Chianciano Terme dichiara: "Domani potremmo essere la forza di cambiamento del Paese". E a Bossi dice: "Minaccia elezioni anticipate? Facciamole e una maggioranza in Parlamento si troverà"

"Siamo decisivi e domani potremmo essere la forza di cambiamento del Paese". Così il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, nel discorso di chiusura degli 'Stati generali del Centro' a Chianciano Terme ha ribadito l'importanza del suo partito nel panorama politico nazionale, anche di fronte ad eventuali nuovi scenari che ne potrebbero ingrossare le fila. "Lo scontro Fini-Bossi, rattrista gli italiani e non ci fa sognare, come dice qualcuno", precisa Casini che al leader del Carroccio dice: "Non spaventa nessuno minacciando elezioni anticipate. Facciamole e una maggioranza si troverà". A Franceschini invece il leader centrista chiude la porta se la sua intenzione è quella di una santa alleanza contro Berlusconi. "Vogliamo cambiare in meglio il Paese, non contro qualcuno o contro un partito".

Leggi tutto
Prossimo articolo