Fini: "Contro di me un indegno stillicidio"

1' di lettura

Il presidente della Camera da Gubbio ha replicato alle accuse mosse nei suoi confronti dall'interno del Pdl, poi ha ammonito il partito a "non lasciare alcun sospetto circa la volontà di accertare la verità sulle stragi di mafia"

Un "stillicidio" non degno di un grande partito (leggi il testo). Così Gianfranco Fini si è difeso, contrattaccando, dalle accuse mossegli dall'interno del Pdl. "Non è degno di un dibattito politico e di un grande partito - ha detto - un quotidiano stillicidio di dichiarazioni basate su tre ipotesi: che sono folle, che sono un 'compagno travestito' e che voglio fare il Capo dello Stato". Fini si è poi detto "convinto dell'accanimento giudiziario nei confronti di Berlusconi", ma ha invitato il Pdl a "non dare alcun sospetto sulla volontà di accertare la verità sulle stragi di mafia. E' un nostro dovere".


GUARDA ANCHE:
Berlusconi: sono il miglior presidente del Consiglio della storia d'Italia
Fini a Berlusconi: non è tutto a posto, anzi...

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24