Berlusconi: "Serve più rigore con gli immigrati"

1' di lettura

Il premier a Tripoli per incontrare Gheddafi : "Se vogliamo procedere a una politica vera di integrazione dobbiamo anche essere rigorosi". Si celebra il Giorno dell'amicizia italo-libica. Il Cavaliere: "Intesa molto conveniente per entrambi i Paesi"

Il premier Silvio Berlusconi è a Tripoli per partecipare ai festeggiamenti in occasione del primo anniversario della firma del Trattato di amicizia e cooperazione tra Italia e Libia. Il presidente del Consiglio è stato ricevuto prima dal primo ministro libico Baghdadi Mahmudi e dal ministro degli Esteri Mussa Kussa. "Se vogliamo davvero procedere a una politica vera di integrazione dobbiamo anche essere rigorosi per non aprire l'Italia a chiunque" ha affermato Berlusconi. A proposito dell'autostrada che percorrerà tutta la Libia dalla Tunisia all'Egitto, la cui realizzazione sarà finanziata dall'Italia come frutto degli accordi di cooperazione tra i due paesi firmati l'anno scorso a Bengasi, il premier italiano ha detto che si tratta di "un'impresa storica".

Leggi anche:

Migranti, respinti in 75 dalla Sicilia alla Libia
Sarkozy, Putin e Medvedev disertano festa per Gheddafi
Berlusconi in Libia. Frecce tricolori per Gheddafi
Libia, polemiche sul viaggio delle Frecce Tricolore

Leggi tutto
Prossimo articolo