Caso Avvenire, Bagnasco difende Boffo: "Attacco disgustoso"

1' di lettura

E' la replica del presidente della Cei alle pesanti accuse mosse da "Il Giornale" di Feltri nei confronti del direttore di Avvenire Dino Boffo. Dopo l'articolo di ieri è saltato l'incontro all'Aquila tra Berlusconi e Bertone, ma Feltri: nessun pentimento

"Attacco disgustoso e molto grave". Il presidente della Cei Angelo Bagnasco replica così alle pesanti accuse mosse da Il Giornale di Vittorio Feltri nei confronti del direttore di Avvenire Dino Boffo. Dopo l'articolo del quotidiano ieri è saltato l'incontro all'Aquila tra Berlusconi e Bertone, ma Feltri rilancia: non sono pentito continueremo così. Una difesa assoluta, quella di Bagnasco, che pesa sull''incidente diplomatico tra il governo e le gerarchie ecclesiastiche che si è consumato ieri, con l'affondo del quotidano di Paolo Berlusconi nei confronti del direttore del foglio dei vescovi, accusato di essere "un supermoralista condannato per molestie". Un attacco che ha incrinato i già difficili rapporti tra esecutivo e Vaticano, provati da un'estate di scandali e dalle proposte leghiste.

Leggi anche:

Vittorio Feltri: abbiamo scritto solo la verità
Stato-Chiesa, Andreotti a SKY TG24: "I rapporti non cambiano"
Stampa estera: Berlusconi nel mirino del Financial Times
E la tv pubblica censura Videocracy che dilaga sul web

Leggi tutto