Salta cena Berlusconi-Bertone. Il premier querela Repubblica

1' di lettura

Non si terrà più l'incontro tra il Segretario di Stato Vaticano e il presidente del Consiglio previsto a L'Aquila in occasione della festa della Perdonanza. Intanto il Cavaliere agisce legalmente contro il quotidiano per diffamazione

Dopo settimane di tensione col mondo cattolico, l'appuntamento era ghiotto, utile per riprendere un contatto personale con i vertici vaticani. E invece Silvio Berlusconi alla fine non andrà a L'Aquila per la festa della Perdonanza, celebrata quest'anno dal Segretario di Stato Vaticano Tarcisio Bertone. Al posto del premier ci sarà il sottosegretario Gianni Letta, mentre la cena inizialmente prevista è stata annullata dalla curia cittadina e il suo costo sarà devoluto ai terremotati. A dare la notizia è la sala stampa vaticana, spiegando che Berlusconi ha delegato Letta a rappresentare il governo "per evitare strumentalizzazioni". La giornata si era aperta con il durissimo affondo del giornale della famiglia Berlusconi da Feltri contro il direttore di Avvenire, il quotidiano della conferenza episcopale. Molto rumoroso anche l'annuncio - fatto dalla stessa Repubblica - della querela presentata dal presidente del Consiglio contro il quotidiano del gruppo l'Espresso. Il premier giudica diffamatorie le dieci domande, legate al caso Noemi Letizia, che Repubblica rivolge a Berlusconi ormai da settimane e per questo ha chiesto un milione di euro come risarcimento.

Leggi anche:
Attacco de Il Giornale a Boffo, Berlusconi si dissocia

Leggi tutto