Alfano: carceri piene ma non ci saranno nuovi indulti

1' di lettura

"In Italia ci sono oltre 63 mila detenuti, di cui oltre 20 mila sono stranieri. Ciò significa che le carceri sono idonee a ospitare i detenuti italiani", ha detto il Guardasigilli a margine del meeting di Rimini. E ha aggiunto: "Serve un intervento Ue"

"Non ci saranno nuovi indulti. Lo dico chiaramente da un anno". Lo ribadisce il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, in occasione del Meeting di Comunione e Liberazione in corso a Rimini.
"In Italia - spiega il Guardasigilli - ci sono oltre 63 mila detenuti, di cui oltre 20 mila sono stranieri. Il che vuol dire che le carceri italiane sono idonee ad ospitare i detenuti italiani, ma con l'aggiungersi degli stranieri agli italiani si supera la capienza non solo regolamentare ma anche quella tollerabile dei penitenziari che ci sono".

Poi, il ministro ricorda: "Ho fatto un appello all'Ue: non puo' da un lato esercitare sanzioni e dall'altro chiudere gli occhi sul  fenomeno del sovraffollamento carcerario che deriva dalla presenza di detenuti stranieri: un fenomeno a cui la Ue deve  prestare attenzione. La Ue o si fa promotrice di trattati o deve dare risorse economiche agli Stati piu' interessati dal problema  dei detenuti stranieri per costruire nuove carceri".
E ribadisce: "Noi non intendiamo procedere sulla via seguita per 60 anni dalla Repubblica italiana: 30 provvedimenti di amnistia indulto per risolvere il problema del sovraffollamento delle carceri. Si fanno uscire ogni 2 anni 30mila detenuti ma il problema non si risolve mai. Noi puntiamo sulla realizzazione di nuove carceri e sul lavoro in carcere per abbassare la recidiva".

IL SERVIZIO

Leggi tutto