Suu Kyi, la Ue vara nuove sanzioni contro la Birmania

1' di lettura

L'Unione europea, con un comunicato della presidenza, ha condannato il verdetto di colpevolezza emesso contro Aung San Suu Kyi annunciando che "risponderà con sanzioni supplementari verso i responsabili della condanna"

Primo provvedimento dell'Unione Europea contro la sentenza con cui due giorni fa alla leader dell'opposizione birmana, Aung San Suu Kyi, è stato inflitto un altro anno e mezzo agli arresti domiciliari: secondo quanto recita un comunicato ufficiale del Consiglio dei Ministri comunitario, è stata estesa la portata delle sanzioni già in vigore nei confronti del Myanmar, così da renderle applicabili anche ai giudici che hanno pronunciato il verdetto. I loro nomi sono infatti stati aggiunti alla lista dei gerarchi della giunta militare al potere nell'ex Birmania, nei cui confronti l'Ue ha disposto il congelamento di tutti i beni patrimoniali e il divieto di viaggio sul territorio dell'Unione, con conseguente bando al rilascio di visti. Suu Kyi, premio Nobel per la pace 1991, in realtà aveva originariamente ricevuto tre anni di lavori forzati, pena poi commutata e ridotta per decreto dal leader del regime, generale Than Shwe. La dissidente ha gia' preannunciato appello.

Leggi anche:

Aung San Suu Kyi condannata a 18 mesi di domiciliari
La Ue pronta a nuove sanzioni
Per la Rete la leader birmana è la nuova Mandela

Leggi tutto
Prossimo articolo