Missione in Afghanistan, scontro Frattini-Lega

1' di lettura

Il ministro degli Esteri replica a Calderoli che ha proposto il ritiro dei militari italiani dall'estero: "Siamo lì per garantire la sicurezza dell'Italia, quindi anche della Lega"

Sull'utilità della missione in Afghanistan si incrina l'unità del governo. A creare il caso Umberto Bossi, che si era detto pronto a riportare tutti i militari a casa. "Bossi parla come padre", gli risponde La Russa, che ribadisce il valore imprescindibile della presenza italiana. "Gli italiani sono con Bossi", gli fa eco Roberto Calderoli "La democrazia non si può esportare" continua il ministro alla Semplificazione. Gli risponde da Bruxelles Franco Frattini: "La presenza italiana in Afghanistan è irrinunciabile. Siamo lì anche per la sicurezza dell'Italia, anche per quella di Calderoli".

Leggi tutto