Milano e Venezia al Pdl. Il Pd tiene Torino, Firenze e Bari

1' di lettura

Berlusconi: "Più forti nonostante gli attacchi eversivi". Franceschini: "Iniziato il declino della destra". Referendum, niente quorum, affluenza intorno al 24%. TUTTI I DATI, I COMMENTI E I VIDEO: VAI ALLO SPECIALE DI SKY.IT

VAI ALLO SPECIALE ELEZIONI

A conclusione dei ballottaggi per le elezioni amministrative 2009, sia il centrosinistra, sia il centrodestra, si dichiarano soddisfatti. Per Silvio Berlusconi "la sinistra registra una nuova, sonora sconfitta. Un dato solo toglie di mezzo ogni discussione: prima di queste elezioni provinciali il Popolo della Libertà governava 5 milioni di persone interessate dal voto. Adesso ne governa ben 21 milioni".
Il segretario del Pd Dario Franceschini afferma invece che si tratta di "un risultato per certi versi inaspettato", quello delle urne, che indica che "è iniziato il declino della destra".

Nel dettaglio il centrodestra conquista 34 province contro le 28 del centrosinistra. Il Partito Democratico fa sua Bari, Firenze, Padova e Bologna, ma perde sul filo di lana Milano; Guido Podestà, con uno scarto minimo, ha infatti sconfitto al ballottaggio Filippo Penati. Il centrodestra si conferma a Brindisi ed Ascoli Piceno, e strappa al centrosinistra Cremona e Caltanissetta. Vittoria storica del centrodestra a Prato che dopo 63 anni elegge un suo sindaco.

Ancora in calo l'affluenza alle urne che si è attesta poco sopra il 45% alle provinciali e il 61,3% alle comunali (al primo turno l'affluenza era stata rispettivamente del 70 e del 76%). Di certo ha influito la campagna per l'astensione al referendum elettorale che non ha raggiunto il quorum del 50% dei votanti.

Guarda tutti risultati dei referendum e dei ballottaggi delle provinciali e comunali.

Ballottaggi: vincitori e vinti. Guarda le foto

Referendum e ballottaggi sui giornali italiani


Leggi il racconto della lunga notte elettorale

Referendum fallito. Tutte le dichiarazioni dei protagonisti

Leggi tutto