Guantanamo, Frattini richiama il trattato di Schengen

1' di lettura

Non c'è accordo nel governo sull'accoglienza dei detenuti di Guantanamo, ma al Ministero degli Esteri già si iniziano a valutarne i vari aspetti tecnici. Per il titolare della Farnesina gli ex detenuti sono liberi di muoversi

Guantanamo è il cuore della ritrovata armonia tra Silvio Berlusconi e la Casa Bianca e a Roma già si iniziano a valutare concretamente i termini dell'accoglienza in Italia dei tre detenuti della prigione cubana anche se sui loro nomi ancora non arrivano conferme ufficiali. Ma a preoccupare la Farnesina in queste ore sono soprattutto le notizie che arrivano dall'Iran. Il clima che si respira a Teheran non consola, ma l'isolamento ancora non è una soluzione e resta aperto l'invito a Trieste per il G8 degli esteri in programma dal 25 al 27 giugno.

Leggi tutto
Prossimo articolo