Veronica Lario: infangata la mia dignità

1' di lettura

La moglie del premier torna a far sentire la sua voce. "Ho assistito in silenzio, senza reagire mediaticamente, al brutale infangamento della mia persona, della mia dignità e della mia storia coniugale"

"In queste settimane ho assistito in silenzio, senza reagire mediaticamente, al brutale infangamento della mia persona, della mia dignità e della mia storia coniugale". Sono queste le parole di Veronica Lario, che ancora una volta affida a una lettera le sue dichiarazioni e considerazioni all'indomani di quello che è diventato il caso Berlusconi-Lario. Le sue critiche rivolte a Silvo Berlusconi in occasione della vigilia della presentazione delle candidature alle elezioni europee, hanno fatto il giro del mondo e scatenato dibattiti in Rete.

La moglie del premier spiega dunque di aver scelto il silenzio nei giorni seguiti alla rottura col marito. Aggiunge però: "La verità del rapporto tra me e mio marito non è neppure stata sfiorata, così come la ragione per cui ho dovuto ricorrere alla stampa per comunicare con lui".

In conclusione della lettera inviata al Corriere della Sera la signora Lario precisa: "Certo è che l'ho sempre amato e che ho impostato la mia vita in funzione del mio matrimonio e della mia famiglia".

Leggi tutto
Prossimo articolo