Tonino 2.0: il successo dell'Idv arriva anche dal web

La home page di uno dei siti dell'Italia dei Valori
1' di lettura

Video, spot, siti e facebook: la piattaforma virtuale del partito di Antonio Di Pietro è fra le più aggiornate e vivaci. Contribuendo in modo decisivo all'exploit delle ultime elezioni

Dopo l'exploit del suo partito, che ha quadruplicato i consensi rispetto alle europee del 2004, Antonio Di Pietro ringrazia i suoi elettori. Il leader dell'Italia dei valori sceglie il suo sito per pubblicare un video messaggio in cui si rivolge agli "amici della rete": "ce l'abbiamo fatta. Stiamo invertendo la tendenza dell'elettorato italiano, stiamo riuscendo a far aprire gli occhi agli italiani e far capire loro che questo modello di governo che Berlusconi voleva portare avanti è un modello a termine. Grazie, grazie per il vostro voto, grazie per la vostra solidarietà e per la vostra fiducia, ricambieremo con nuovo slancio, nuovo ardore e nuova responsabilità".



Non è un caso che l'ex pm scelga internet. Già da tempo, Di Pietro è infatti sbarcato sulla rete.
Datata marzo 2007, la svolta. Dapprima su Second Life, con l'acquisto di un'isola per il suo partito. Poi, su facebook e youtube. Una scelta che non è entrata in conflitto con l'immagine bucolica che lo lega all'immaginario dell'uomo di campagna molisano.
Eccolo dunque mentre trebbia, con la camicia arrotolata e l'espressione accigliata sul trattore nei pressi di Montenero di Bisaccia in una giornata assolata, ostentando una certa confidenza con i riti della campagna meridionale; e, sempre nello stesso periodo, passeggiare in forma di ologramma nel gioco di ruolo virtuale, esibendo un sorriso smagliante e la solita camicia bianca.
Una presenza virtuale che durante quest'ultima campagna elettorale si è fatta ancora più radicale: due siti internet, uno dedicato alle attività del suo partito, l'altro interamente a sè stesso, e una pagina su Facebook compongono la piattaforma elettorale dell'ex ministro dell'infrastrutture. Ma il partito di Di Pietro ha investito anche sugli spot, pubblicati a pagamento su youtube e su altri motori di ricerca, della durata di trenta e sessanta secondi.
Ma la novità più bizzarra siglata Idv è forse il sito "si vedono cose strane.it": un'iniziativa che, grazie all'aiuto degli elettori, ha creato una certa curiosità attorno al partito di Di Pietro. Al grido "segnalaci le cose strane che vedi" sono raccolti alcuni video incentrati su alcuni punti dei programmi dell'Italia dei valori: dalla disoccupazione al nucleare passando per il lavoro precario. Qui sotto, uno dei più cliccati.

Leggi tutto