Elezioni europee, è record astensione

1' di lettura

Affluenza in calo in quasi tutto il continente. La Slovacchia registra la partecipazione più bassa (19,64%). Malta (78,81%) e Belgio (85,86%) le nazioni dove si è votato di più

Record astensione in Europa: quasi sei elettori su dieci sono rimasti a casa.
Secondo i dati forniti dal parlamento europeo, l’affluenza è stata del 43,09%, arenandosi al minimo storico da quando si vota per eleggere i rappresentanti a Bruxelles.
A deludere di più è stata la partecipazione dei cittadini della “nuova Europa”.
La Slovacchia registra il tasso più basso (19,64%). Le cose non vanno meglio in Lituania (20.88%), in Romania (27,21%), Polonia (27,4%), Repubblica Ceca (27,84%) e Slovenia (28,02%).
Bassa l’affluenza anche in Ungheria (36,29%), Olanda (36,5%), Portogallo (37,05%), nonostante i ripetuti inviti ad andare a votare che nei giorni scorsi aveva fatto il presidente della Commissione europea, il portoghese Josè Barroso.
Poco più presenti gli elettori in Francia (40,48%), Germania (43,09%) e Spagna (45,81%).
La palma d’oro per la partecipazione spetta invece al Belgio (85, 86%) e a Malta (78,81%), sebbene entrambi i paesi siano in netto calo rispetto ai dati elettorali di cinque anni fa.
Cala la partecipazione anche in Italia, che si attesta al 66,46%, cinque punti in meno rispetto alle tornata elettorale del 2004, quando l’affluenza era stata del 71,72%.

Leggi tutto