Comunali. A Livorno la corsa è a tre

Da sinistra a destra: Gianfranco Lamberti, Alessandro Cosimi, Marco Taradash
1' di lettura

Alessandro Cosimi (Pd) punta al secondo mandato. Il centrodestra appoggia Marco Taradash, giornalista e deputato per quattro legislature. Gianfranco Lamberti (tre volte sindaco del Pds e dei Ds dal 1992 al 2004) si candida con una lista civica

È stato sindaco del Pds e dei Ds per tre volte, dal 1992 al 2004. Alle prossime elezioni comunali di Livorno del 6 e 7 giugno, tenterà di essere eletto per la quarta volta. Per farlo, Gianfranco Lamberti ha deciso di sfidare il suo stesso partito, il Pd, presentandosi come candidato con una lista autonoma (Confronto per Livorno) contro il sindaco uscente Alessandro Cosimi.
Nato a Salerno il 25 gennaio 1947, Lamberti è laureato in medicina e chirurgia e specializzato in ortopedia e traumatologia. Ha iniziato l’attività politica nel 1980 al consiglio comunale di Livorno: prima come consigliere, poi come assessore e capogruppo e infine come primo cittadino. Maggiore efficienza e trasparenza, oltre che la riqualificazione dell'area portuale: questi i principali obiettivi della sua campagna elettorale.
Il sindaco in carica Alessandro Cosimi è invece il candidato di Pd, Italia dei Valori e di due liste civiche (Sinistra per Livorno, Livorno città aperta). Laureato in medicina e chirurgia, nel 2004 è stato eletto con il 55,1% dei voti. Il suo programma è incentrato su legalità, sicurezza, ambiente e infrastrutture.
Per la corsa alle comunali livornesi, il centrodestra ha scelto invece Marco Taradash, appoggiato da Pdl e Lega Nord e da una lista civica (Marco Taradash governare Livorno). Nato nella città di Modigliani nel 1950, Taradash è un giornalista che ha tra l’altro lavorato per Radio Radicale e il Foglio, ideando e conducendo anche diverse trasmissioni televisive. E' stato deputato per quattro legislature. Scommette su una “città viva, abitata, pulita, ben illuminata, con controlli costanti”.
Cinque gli altri candidati: Tiziana Bartimmo (Rifondazione e Comunisti italiani), Sergio Bestini (Udc), Marco Cannito (Livorno libera), Patrizio Rossi (Identità e territorio), Natalina Vadalà (Moderazione popolare).

Leggi tutto
Prossimo articolo