Sicilia, tentazione Pd per Lombardo

1' di lettura

Il governatore, dopo avere azzerato la giunta di centro destra, fa capire di essere pronto ad un governo di unità sociale con il sostegno esterno del Pd. Dove malgrado il partito si sia tirato fuori c'è qualcuno che apre al leader dell'Mpa

All'indomani dell'azzeramento della giunta regionale Raffaele Lombardo è al lavoro per formare il nuovo esecutivo. Il governatore si prepara a fare i conti con cinque assessori su dodici che non hanno ancora presentato le dimissioni, ma a cui verrano comunque revocate le deleghe. "In 48 ore si riparte con chi ci sta", dice Lombardo, a caccia di partiti, pezzi di partiti, anche personalità esterne. Fa capire di essere pronto ad un governo di unità sociale con il sostegno esterno del Pd. Dove, malgrado il partito si sia tirato fuori, c'è qualcuno che apre al leader autonomista dell'Mpa.

Leggi tutto
Prossimo articolo