Caso Mills, l'ira di Berlusconi

1' di lettura

Il capo del governo la definisce una sentenza scandalosa. In attesa che intervenga in Parlamento, l'opposizione chiede al premier di rinunciare al lodo Alfano. La maggioranza, invece, critica quella che considera una giustizia a orologeria

"Interverrò in Parlamento". Così Silvio Berlusconi, infuriato dall'Aquila. Il premier attacca la stampa e lega la vicenda giudiziara al caso delle veline: un caso che non esiste, dice. La notizia delle motivazioni della condanna dell'avvocato inglese David Mills scatena una nuova tempesta nel mondo politico. La maggioranza si compatta in difesa del suo leader. L'opposizione si ritrova unita nel denunciare il lodo Alfano. E se Casini giudica un atto di responsabilità istituzionale la decisione di intervenire in Parlamento, Di Pietro definisce il premier un corruttore che si deve dimettere.


Caso Mills, Franceschini: premier rinunci a lodo Alfano

Tutte le notizie sul caso Mills

Leggi tutto