Mills corrotto dal premier. Berlusconi: sentenza scandalosa

1' di lettura

Depositata la sentenza: l'avvocato britannico, condannato a quattro anni e mezzo per corruzione giudiziaria, agì come falso testimone per assicurare l'impunità al premier. Il presidente del Consiglio: "Sentenza scandalosa. Riferirò in Parlamento"

L'avvocato britannico David Mills, condannato a quattro anni e mezzo per corruzione giudiziaria, "agì come falso testimone per assicurare l'impunità a Silvio Berlusconi e al gruppo Fininvest." E' questo uno dei passaggi principali delle motivazioni della sentenza dei giudici del Tribunale di Milano, che il 17 febbraio scorso riconobbero colpevole l'avvocato in primo grado. Nelle motivazioni della sentenza si legge testualmente "Mills ha agito certamente da falso testimone per consentire a Silvio Berlusconi e a Fininvest l'impunità dalle accuse o almeno il mantenimento degli ingenti profitti".

ll Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi ha annunciato che riferirà davanti al Parlamento sul caso Mills e nel pomeriggio da L'Aquila ha dichiarato: "E' una sentenza semplicemente scandalosa, contraria alla realta', come sono certamente sicuro sara' accertato in appello per quanto riguarda il signor Mills". E ha aggiunto:
 "Con questi giudici non si puo' fare. Quando il processo riprendera' con altri giudici dimostrero' la mia totale estraneita'"

Caso Mills, Franceschini: premier rinunci a lodo Alfano

Tutte le notizie sul caso Mills

Leggi tutto