Fini a difesa dello stato laico, critiche e consensi

1' di lettura

Il presidente della Camera: le leggi non devono essere orientate da principi religiosi. Fibrillazione nella maggioranza. Bacchettate da Udc e Vaticano. Positive le reazioni dell'Idv e del Pd, ma non quelle della corrente Teodem

Stupore, appezzamento e critiche. Il nuovo affondo di Gianfranco Fini sulla laicità provoca reazioni contrastanti e apre una nuova polemica sui temi etici. "Il parlamento - ha detto il presidente della Camera - non deve fare leggi orientate da precetti di tipo religioso". Affermazioni che non piacciano a molti nello stesso Popolo della libertà: critico Gateano Quagliariello, vicecapogruppo del partito al senato e protagonista della battaglia sul decreto Englaro, stupito dalle parole di Fini anche Maurizio Lupi. Positive le reazioni dell'Idv e del Pd, ma non quelle della corrente Teodem.

Leggi tutto
Prossimo articolo