Biotestamento, il nodo resta il consenso informato

1' di lettura

Prime votazioni della commisione Sanità. Particolarmente spinoso l'emendamento all'art 1 del provvedimento che vieta la sospensione di qualsiasi attività medica volta a consentire o provocare la morte del paziente

Prime votazioni della commisione Sanità al Senato sul disegno di legge che introduce il testamento biologico. La maggioranza apre sul consenso informato che per l'opposizione è da sempre una delle "note dolenti" del disegno di legge Calabrò. Il nodo è l'emendamento all'art 1 del provvedimento che vieta la sospensione di qualsiasi attività medica volta a consentire o provocare la morte del paziente. Sul consenso informato il Partito democratico non tratta: l'attività medica è esclusivamente finalizzata alla tutela della vita e della salute, e all'alleviamento della sofferenza.

Leggi tutto
Prossimo articolo